Scontro in autostrada, auto scavalca il guardrail: muore 56enne di Monselice

di Andrea Zambenedetti

TREVISO – «Sui due ettari di terra compresi tra lo Sporting club e la ferrovia ci stanno trenta tende, con un po’ di giardino ognuna, e un centinaio di profughi in tutto». Parola di Giuseppe Zambon. Ecco il luogo dove Treviso potrebbe ospitare gli immigrati: lo Sporting club. A proporlo è il padrone di casa, che lo ha messo a disposizione delle istituzioni, per l’emergenza umanitaria di questi giorni, con i centri di prima accoglienza che sono impossibilitati ad ospitare altri immigrati.

«Su questo campo incolto – spiega Zambon – doveva sorgere un centro ippico. Programma abbandonato per mancanza di fondi, quello di ospitare una tendopoli mi sembra un buon modo per impiegarlo». Maestro di tennis e titolare dello Sporting club, Zambon non è di certo nuovo ad iniziative di accoglienza e integrazione con gli stranieri. Nel 2007 dentro i campi da tennis aveva ospitato «Id al-adha» la festa del sacrificio dei mussulmani. Una preghiera collettiva, che aveva richiamato tutti i fedeli di Maometto dall’intera Marca trevigiana, un iniziativa che aveva creato un fiume di polemiche e di prese di posizioni contro lo stesso titolare dell’impianto. «Lo faccio per spirito solidaristico – spiega Zambon – non cerco alcun tipo di polemica, voglio solo aiutare chi è in difficoltà e ha bisogno di un aiuto, l’ho sempre fatto, e continuerò a farlo».

Ora a Treviso lo spazio per la tendopoli c’è: un campo con l’erba incolta, ma pur sempre un lembo di terra sufficientemente ampio per ospitare decine di tende, e quindi centinaia di immigrati. Per ora è una proposta, ma si tratta di è una proposta con la quale le istituzioni dovranno misurarsi e confrontarsi.

Proprio la politica lo scoglio più grande da superare per poter ospitare chi è in difficoltà: «Credo che al mio amico Gentilini – prosegue Giuseppe Zambon – questa proposta possa non piacere, ma con il tempo tutte le persone diventano più disponibili e attente alle esigenze di convivialità, spero questo sia successo anche a lui».

Lunedì 04 Aprile 2011 – 09:28 Ultimo aggiornamento: Martedì 05 Aprile – 14:39

© RIPRODUZIONE RISERVATA

About Me

Related Posts