36° incontro nazionale dei madonnari a Grazie di Curtatone

Sab, 16/08/2008

Al concorso sono stati eseguiti n. 127 dipinti ed erano presenti n. 127 nuclei operativi (13 gruppi e 114 singoli) per un totale di n. 171 partecipanti. Al Concorso hanno partecipato 5 tedeschi, 3 austriaci, 4 americani, 1 olandese, 1 inglese, 1 spagnolo, 1 brasiliano e 4 giapponesi.La giuria riunitasi presso la sede del Centro Italiano Madonnari, dopo un attento esame delle opere eseguite, ha assegnato i seguenti premi divisi per categorie: Maestri madonnari, medaglia d’oro a Ianfrendi Sofia Simona di Bozzolo (Mn) che realizzerà il bozzetto del manifesto dell’Incontro Nazionale dei Madonnari anno 2009. Ha realizzato una Beata Vergine del lago. L’opera interpreta in chiave mantovana una celebre vergine col bambino del romanticismo francese . La giovane madre, dal viso intenso e dolcissimo, guarda premurosa il figlio quasi adolescente che ancora tiene in grembo. Il contrasto armonico tra Maria e Gesu’ e’ espresso con sapiente finezza: lei, vestita di blu e velata, tiene gli occhi umili socchiusi; lui, dal corpo morbido e proporzionato, fissa lo sguardo penetrante sul fedele. l’immagine propone alcuni elementi di rielaborazione in chiave locale: sullo sfondo il nostro santuario e il lago, il fiore di loto in mano a Gesu’ e, sul suo volto lineamenti cosi’ mantovani.2° Classificato Wosik Gregor (Germania). Il madonnaro trae l’immagine della Sibilla da un dipinto del domenichino del 1620. Il soggetto e’ reso in grandi spazi col metodo dell’anamorfosi. Tale metodo obbliga lo spettatore a guardare da un punto di vista definito, un’immagine che altrimenti risulterebbe deformata. La Sibilla ha lo sguardo rivolto in alto nell’atto di interrogarsi e di interrogare quanto la circonda sia il creato sia la gente, le persone con le proprie vicende e la propria storia. Indica lo sforzo positivo della ragione alla ricerca del vero e del buono. esprime un tema di particolare attualita’, cioe’ il dialogo tra fede e ragione, quest’ultima impersonata dalla sibilla . Particolarmente apprezzabile l’interpretazione del dipinto originale tramite un disegno accorto ed un’efficacia resa coloristica.3° classificato Bogoni Michela (Verona). Il madonnaro ha saputo cogliere aspetti particolari della vocazione di Matteo del Caravaggio interpreandone uno dei brani piu’ significativi: il gruppo di personaggi impegnati nella stima delle monete che vengono sorpresi dalla chiamata del Cristo. Curiosa l’idea di rappresentare il dipinto come su di una tela parzialmente arrotolata e che lascia visibile solo la mano del Messia, quindi assente e presente. Buono il tratto, la tecnica pittorica ed il disegno di numerosi particolari.Nell’ultima giornata di fiera, domani, domenica 17 agosto, alle 21 verrà eseguita all’interno del Santuario la “Messa di Gloria” per soli, coro a quattro voci miste e orchestra di Giacomo Puccini. Direttore d’Orchestra – Daniele Anselmi, Tenore – Giorgio Trucco , Baritono – Michele Govi. Basso – Antonio Marani. Il tradizionale Concerto dell’Assunta, quest’anno sarà dedicato al grande maestro Puccini che quest’anno ricorre il 150° anniversario della nascita. La “Messa a quattro voci con orchestra” di Giacomo Puccini è comunemente conosciuta come “Messa di Gloria”, titolo comparso nella prima edizione a stampa del 1951 ma non riportato sulla partitura autografa, conservata presso il Museo Casa Natale Giacomo Puccini a Lucca. Questa “Messa” pucciniana, presenta una scrittura dalle spiccate caratteristiche sinfoniche mediante le quali si realizza il raffinato impasto timbrico fra voci e strumenti richiesto dall’Autore che la scrisse all’età di 22 anni.Alle 23 circa, al termine della “Messa di gloria”, u naltro evento molto atteso ,a chiusura della fiera: lo spettacolo pirotecnico, uno tra i più suggestivi dell’estate mantovana, per dare appuntamento ai visitatori all’edizione 2009.

About Me

Related Posts