Itinerario 6

Roccacinquemiglia

frazione di Castel di Sangro si trova a 1050 metri sul livello del mare.

Il paese ha un passato storico pregevole, dovuto sia alla posizione strategica che all’aspetto religioso.

Abitato fin dall’ antichità, visse il suo periodo più florido nel X secolo, quando il Convento annesso dai Benedettini di S. Vincenzo al Volturno alla Chiesa S. Maria di Quinquemilia, sulla riva sinistra del Sangro, crebbe, favorendo la nascita della borgata di Rocca de Quinquemiliis e del relativo castello. L’obiettivo dell’insediamento benedettino in un territorio interessato da secoli di guerre e carestie era quello di “far habitare, laborare e colere terram”.

Il paese smise di essere istituzionalmente indipendente nel XIX secolo, quando venne annesso al Comune di Castel di Sangro divenendone parte integrante e subendo le medesime vicissitudine durante il secondo conflitto mondiale.          

Furono anni duri, caratterizzati dall’occupazione delle truppe naziste, dalla distruzione dell’antico borgo e da numerosi rastrellamenti di uomini.

Roccacinquemiglia oggi conta circa 300 abitanti.
Da pochi anni si è rivelato un centro turistico per la sua posizione cruciale, tra Roccaraso, principale località turistica e sciistica del nostro comprensorio e Castel di Sangro, sviluppato polo commerciale del territorio.

Da visitare in questo caratteristico borgo i Ruderi e Campanile della quattrocentesca Chiesa di S. Giovanni; le Mura Ciclopiche: resti di una fortificazione di una citta’ sannita senza nome;la Nuova Chiesa di San Rocco che custodisce la statua del Santo che nel 1838 operò nel paese un miracolo salvandolo dal colera; le Rovine del Monastero Benedettino presso il fiume Sangro, in una zona di notevole interesse archeologico.

Comments are closed.